Il piacere del cornuto

incontri online
incontri online

cornuto cuckold
Come è strana la mente umana. Prima crea roghi, pire soffocanti, punizioni esemplari per le mogli adultere, o che hanno soltanto osato pensare adulterio, e poi alla stessa maniera, con grandissima serenità d’animo si diletta a crearsi su misura i ruoli che tanto la hanno fatto soffrire. Stiamo parlando del cornuto, ovvero di quella figura maschile, all’interno della coppia etero, che induce la propria moglie a intrattenere esperienze sessuali con un altro uomo.

Detto anche cuckold, il cornuto porta questo nome in quanto, originariamente, ma anche teoricamente, era l’ultimo a venire a conoscenza dell’adulterio della moglie, esattamente come un animale che porta le corna è l’ultimo a sapere di portarle.
In realtà il piacere del cornuto, invece, deriva dall’esatto contrario: origina cioè dalla piena consapevolezza che la propria moglie sta scopando con un altro uomo, che in termini tecnici, viene definito bull, o toro, proprio in virtù delle prestazioni offerte e competenze in fatto di monta della donna. Spesso infatti può essere di colore o presentare un cazzo grosso.

Ma quale è la vera posizione del cornuto?

Di primo acchito, il cornuto che si accinge a indurre la moglie a farsi scopare da un toro, potrebbe sembrare ricoprire un ruolo di dominanza sui due alle prese con un amplesso adultero. Se pensi che il cornuto, durante la faccenda, stia comodamente seduto sulla sua poltrona a masturbarsi guardando gli altri due che fottono, ti stai sbagliando di grosso. Nella realtà, questa triangolazione rappresenta uno schema che sfuma sicuramente in una relazione di sottomissione-dominanza caratteristica del BDSM, dove la donna acquista un ruolo dominante sul marito. Non è raro, infatti, che lei imponga al proprio marito tutta una serie di divieti volti a disciplinare le modalità di contatto che lui deve adottare nei suoi confronti, limitandone dunque, in varia misura, l’espressione della sessualità. Gli stessi ordini di sottomissione, talvolta umilianti, possono venire comunicati anche dallo stesso bull. Al cornuto, ad esempio, potrebbe venire richiesto di interfacciarsi con l’apparato genitale del bull, al fine di migliorare l’esperienza di monta della moglie rendendola maggiormente vigorosa, oppure qualunque altra azione volta a sottolineare e a confermare il ruolo di sottomissione del cornuto stesso e di dominanza della coppia moglie-toro che sta copulando.

Quanti cornuti ci sono nel mondo?

La domanda è retorica. In effetti sono tantissimi i cornuti. Davvero tantissimi. La diffusione di internet ha fatto sì che questa pratica si presenti con sempre maggiore frequenza nella coppia etero, grazie alla facilità di intrecciare relazioni fra coppia e la terza figura maschile. Le Community, come ad esempio quella di  digisesso , sono una fucina di bull e di coppie che non aspettano altro che essere cornificate e fottute in questa modalità specifica di sottomissione-dominanza.
Sembra inoltre che questa pratica, che annovera schiere di appassionati, sia un’ottima strategia per rinforzare il rapporto per la coppia che la adotta.

A ben guardare, la chiave di lettura del cornuto è l’esaltazione della libertà sessuale femminile, che si traduce di fatto nell’eludere la monogamia occidentale a favore di una forma moderna e socialmente accettata di bigamia.

incontri online
incontri online