Voyerismo, quando il sesso si osserva in terza persona

incontri online
incontri online

voyeurismo
Tra i tanti atteggiamenti che molti definiscono “perversi”, (e non chi li pratica, ovviamente) viene inserito anche il voyerismo. Con questo termine, si va ad indicare quella pratica sessuale di chi, per raggiungere il piacere sessuale, desidera guardare persone nude, seminude e intente a fare sesso.

L’atto voyeristico, nella gran parte dei casi, viene accompagnato dalla masturbazione. Le persone non si aspettano di essere osservate e spiate nella propria intimità e questo eccita ulteriormente il voyeur.

Di solito, il “guardone” non tende ad avere rapporti sessuali con gli estranei che sta spiando, bensì va alla ricerca dell’eccitamento provocato da ciò che ha sotto gli occhi. Il voyerismo reca disagi a livello personale, lavorativo, familiare e sociale, ma anche con la giustizia del paese in cui si vive: ad esempio, nel Regno Unito, spiare persone che fanno sesso è considerato un vero e proprio crimine, punibile per legge.

In molti, infatti, si mettono a spiare le persone in atteggiamenti intimi in maniera sistematica e tendenzialmente compulsiva: ciò comporta una vera e propria dipendenza, che porta le istituzioni, o chi si occupa di questi soggetti, a consigliare alle famiglie o ai rispettivi compagni, di avviarli a un percorso di cura in specifici centri e comunità o in carcere, nei casi più gravi, qualora la persona si spinga oltre i limiti del consentito.

Questa pratica sessuale, inoltre, può provocare disfunzioni sessuali, ansia, depressioni ma anche ad atteggiamenti quali l’esibizionismo e, nei casi peggiori, alla pedofilia e al sadismo. La propensione a spiare gli altri nella loro vita intima viene definito “parafilico” (peeping, in inglese), mentre colui che mette in pratica tale atto viene definito “peeper”.

incontri online
incontri online