Calcio che passione

incontri online
incontri online

Posizioni sessuali per lei
La mia famiglia è composta da quattro persone: mio padre, mia madre, me e mio fratello.

Siamo molto uniti, io mi sono diplomata ormai da qualche anno e mio fratello frequenta l’ultimo anno di liceo oltre ad essere tesserato nella squadra di calcio della nostra città.
Siamo una famiglia molto ospitale e spesso ci piace invitare a cena amici e parenti, mio fratello in particolare invita spesso i suoi compagni di squadra che solitamente apprezzano la cucina della mamma.

Un giorno mio fratello invitò Marco a cena, che della squadra di calcio era il portiere: era un bel ragazzo, alto quasi due metri e dal fisico possente. Fummo prontamente a tavola, la stessa era imbandita a dovere con pietanze di ogni genere: dopotutto mio fratello e Marco avevano finito solo da qualche ora i loro allenamenti ed erano affamati.

Dopo cena rimanemmo a guardare un film in soggiorno, mentre i miei genitori andarono a letto, Marco era seduto sul divano con mio fratello, mentre io ero seduta in poltrona, quel gran bel ragazzo si distraeva spesso dalla visione del film e incrociava con insistenza il mio sguardo per poi abbassarlo verso il top che metteva in risalto il mio seno da maggiorata. Finito il primo tempo mio fratello decise per un improvviso mal di testa di andare a letto e di lasciarmi sola con Marco che non perse tempo ad approfittare della situazione regalandomi un bacio sulla guancia ed un sorriso.

Durante il secondo tempo lui mi abbracciava e poggiava spesso la sua mano sulla mia coscia, evidenziando una rilevante eccitazione dentro i pantaloni.
Finito il film, Marco si girò impetuosamente verso il mio volto e dandomi un bacio sulle labbra mi fece capire che era pazzo di me.

Ci distendemmo sul divano, lui era sopra di me ed usando la tecnica del petting iniziava a rendere la mia passera umida ed eccitata, facendomi percepire sempre di più una infinita voglia di essere sua. Passò qualche secondo, e Marco iniziò a baciarmi sussurrandomi all’orecchio che io ero molto meglio di tutte le altre ragazze incontrate in giro giro per l’Italia, e che avrebbe voluto farmi sua in quell’istante.

Io avevo un po’ di timore, ma poi decisi di non sottrarmi alla voglia di stare con lui: allargai le gambe facendolo entrare con le sue dita nella mia passera bagnata, mentre lui si sfiorava il pene, quasi come invito a farlo io. Non persi tempo: in una manciata di secondi mi sedetti sopra di lui, spogliandolo quasi completamente. Spostai i miei slip e feci entrare il suo pene eretto dentro di me, mentre scivolava con voluttuosità nella mia vagina completamente bagnata e vogliosa di essere sua.

Andammo velocemente su e giù, mentre Marco toccava e stringeva il mio seno ed i miei capezzoli ormai turgidi: fu bellissimo quando, con un gemito quasi sussurrato per paura che qualcuno ci scoprisse, Marco venne, riempendomi la passera del suo caldo sperma che, con i miei umori, divenne un tutt’uno facendomi letteralmente impazzire dal piacere e dalla voglia.

incontri online
incontri online