La moda delle moglie in gang bang con sconosciuti

incontri online
incontri online

gangbang
La gang bang è una pratica sessuale riscoperta in questo millennio sicuramente come conseguenza della diffusione virale sul web di porno amatoriali. Stiamo parlando di riscoperta e non di invenzione, in quanto la stessa pratica la possiamo già trovare nel Cinquecento veneziano con il nome di ‘Trentuno’, occasione in cui le cortigiane approfittavano per intrattenersi una volta al mese con un numero di uomini corrispondente alla denominazione dello stesso gioco sessuale, oppure ricordiamo ancora l’imperatrice Messalina, icona delle maratone sessuali dell’Impero Romano, che pare riuscisse a sfamare 25 uomini in un sol giorno.

Ma passiamo ai giorni nostri, e scopriamo che l’etimologia di gang bang ci riporta all’espressione ‘banda del sesso’ o anche ad ‘ammucchiata’. In effetti, di banda si tratta veramente, in quanto a differenza dell’orgia (o sesso di gruppo), in cui una moltitudine di soggetti si accoppiano reciprocamente e indistintamente, nella gang bang una moltitudine di uomini concentra le proprie attenzioni sessuali su un’unica donna, attraverso penetrazioni singole o doppie, rapporti orali (leccate di figa e pompini), masturbazione, spagnole, bukkake e altre configurazioni erotiche.
Questa è dunque la variabile che traccia un solco significativo fra orgia e gang bang: l’esclusività, l’attenzione focalizzata esclusivamente su una zoccola anziché la presenza di un parterre di soggetti tutti potenzialmente trombabili da tutti i soggetti partecipanti.

Una elegantissima ricerca dei sessuologi Joan e Dwight Dixon, ha studiato a fondo la fenomenologia della gang bang, scoprendo come oltre il 90% delle donne che vi partecipano sono impegnate in relazioni stabili e che alle stesse sessioni di ammucchiate sono quasi sempre presenti i partner maschili, che oltre a essere spettatori passivi, si interessano attivamente all’organizzazione logistica dell’evento e alla ricerca dei partecipanti più idonei a scopargli le mogli zoccole.
Inoltre, gli stessi sessuologi ci dicono che la metà delle gang bang vengono sistematicamente videoregistrate dai mariti, una grande parte degli eventi solo saltuariamente, mentre una piccolissima parte non vengono registrate per nulla. Questo spiegherebbe molto bene l’enorme diffusione di porno amatoriali che documentano nei dettagli questa tipologia di pratica sessuale.

Alla luce dei dati su esposti sembra, allora, che ai mariti piaccia molto vedere le proprie mogli zoccole date in pasto a uomini sconosciuti pronti a scoparle utilizzando tutte le metodiche dello scibile umano. A questo piacere voyeuristico, squisitamente maschile, fa da contraltare il piacere esibizionistico della donna nel prestare il proprio corpo alla soddisfazione degli appetiti sessuali di perfetti sconosciuti.
Anche qui, anche se in maniera lievemente differente e plateale, si ripropone il tema cuckold, del cornuto volontario e dell’infinito gioco di specchi fra ruoli di dominanza e sottomissione che rendono questi giochi sessuali articolatissimi e talvolta incomprensibili ai non addetti ai lavori.
La moglie zoccola rimane comunque il punto di non ritorno della gang bang, il soggetto significante all’interno di un contesto relazionale, dai ruoli rigidamente definiti, dal quale ogni soggetto interveniente trae la sua quota di godimento a sé più confacente.

incontri online
incontri online